Archivio tag: privacy

Il dipendente può navigare sul web?

Avete mai riflettuto su cosa ci sia di male nell’inviare una email al proprio fidanzato dal pc dell’ufficio? Oppure – in questa calda estate – a pianificare le vacanze?

Piuttosto che fare acquisti online?

O quanti altri esempi potrebbero venirci in mente.. 😉
Per molti dipendenti, lavorare senza internet o la posta elettronica sarebbe inconcepibile.
La rete, nei tempi moderni, offre infinite possibilità di comunicazione, che progressivamente stanno soppiantando gli strumenti tradizionali. Continua a leggere

Mini-guida per la p.a. che cambia. Dalla privacy agli open data

Un piccolo aiuto per iniziare ad orientarsi tra le leggi e le tecnologie che stanno trasformando il modo di lavorare  e quello di interagire  con la pubblica amministrazione.

Con un tono discorsivo ed un linguaggio accessibile ho cercato di individuare alcune pillole in materia di privacy, open-data, siti web, pec, e diritti elettronici dei cittadini, con un occhio alle responsabilità.

Anzi, siccome la materia non aiuta..ho provato a sdrammatizzare inserendo una vignetta all’inizio di ogni paragrafo.

E’ inclusa una mappa normativo-concettuale ed un cruciverba di autovalutazione.

Da scaricare liberamente e riusare sotto licenza CC Attribuzione-NonCommerciale-CondividiAlloStessoModo 2.o Italia

Videosorveglianza, condominio e privacy

Nel corso degli ultimi anni si è constatato un forte incremento dell’impiego di sistemi a circuito chiuso, di telecamere e di altri sofisticati strumenti di rilevazione di immagini da parte sia di soggetti pubblici, sia di soggetti privati. Cosicché il Garante privacy è dovuto intervenire, a più riprese, per fornire chiarimenti relativi all’uso privato delle telecamere.
Prendiamo in esame un caso comunissimo, che può riguardare ogni giorno tutti noi: l’impiego di sistemi di videosorveglianza nei condomini.

Il provvedimento del Garante datato 29 aprile 2004 ha precisato che:

Continua a leggere

Il caso del matrimonio viziato e…della privacy

Learning by doing

Il fatto

Tizio riferisce di aver presentato istanza alla ASL competente per prendere visione ed estrarre copia della cartella clinica intestata alla moglie, che sarebbe stata da molti anni in cura presso l’ASL medesima.

L’istanza, alla quale non era stata data risposta, era stata avanzata per promuovere un’azione giurisdizionale innanzi al Tribunale ecclesiastico per conseguire la declaratoria di nullità del matrimonio (viziato dal fatto che i disturbi psichici – da cui la predetta sarebbe stata affetta da tempo – sarebbero stati sempre sottaciuti).

Le norme

L. 241 /1990 artt. 22, 24

D.Lgs 196/2003 artt. 59-60

I quesiti

E’ legittimo esercitare il diritto di accesso a documenti amministrativi contenenti dati personali del coniuge?

Nella comparazione  tra gli interessi in gioco, prevale il diritto di accesso ai documenti amministrativi o quello alla riservatezza?