Sondaggio sulla mediazione

Molte delle critiche mosse al D. lgs. 28/2010 da una parte consistente dell’avvocatura rischiano di travolgere anche lo strumento della mediazione in quanto tale.

Vorremmo raccogliere qualche dato, anonimo (il plugin di WordPress usa solo cookie e IP), per capire quali siano le informazioni o opinioni più comuni in materia; a tal fine abbiamo predisposto questo sondaggio.

Come si pone la mediazione (come strumento in quanto tale e senza tener conto delle disposizioni contenute nel d. lgs. 28/2010) nei riguardi del processo?

View Results

 

Pensi che la mediazione potrebbe portare ad una diminuzione dei compensi degli avvocati?

Pensi che la mediazione e processo civile siano strumenti equivalenti?

Pensi che il ruolo dell'avvocato in mediazione sia

View Results

Pensi che la mediazione abbia un valore aggiunto rispetto al negoziato diretto, faccia a faccia?

View Results

Ritieni che l'assistenza dell'avvocato in mediazione (più di una risposta possibile)

View Results

Il conflitto interpersonale può essere risolto con una sentenza

Il conflitto interpersonale può essere dovuto ad errori (incolpevoli) di comunicazione indipendenti dalle questioni giuridiche

View Results

2 pensieri su “Sondaggio sulla mediazione

  1. Fabio Trojani

    Ritengo che sia stata una scelta poco oculata prevedere l’obbligo della mediazione. E’ e resta un istituto che deve basarsi sulla autodeterminazione delle persone.

  2. epifanio

    Ho seguito un Tuo (permettimi il Tu) corso ultimamente a Ct e come era successo lì in aula, far capire agli avvocati l’importanza della mediazione (sia per un allegerimento della giustizia “in tribunale”, sia da un punto di vista più “economico/sociale” che darebbe una maggiore possibilità di proseguimento dei rapporti commerciali/economici/sociali ai contendenti), è spesso cosa difficile. La verità è che gli avvocati e parzialmente altre categorie non hanno capito per interesse proprio l’importanza di questo decreto, credendosi forse, ma a torto, gli unici depositari dell’attività giudiziale (intesa come tribunale-centrica).
    Non si riesce a capire cioè che lo scontro, il litigio, la causa in tribunale, può essere solo l’ultima spiaggia, e che prima ci può essere spazio anche per loro ed i propri guadagni (se proprio dobbiamo essere veniali).
    Cordiali saluti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *