Professione mediatore?

Il titolo potrebbe suonare provocatorio: quella del mediatore disegnato dal d. lgs. 28/2010 è forse una nuova professione?

Questo l’interrogativo di fondo che ha accompagnato la realizzazione di un testo dal taglio multidisciplinare.

Per provare a dare una risposta, il lavoro muove da una indagine sulle conoscenze di base di quella “interazione comunicativa” che è esplicitamente indicata nel D.M. 180/2010 come componente del patrimonio formativo del mediatore: non si poteva non cominciare, allora, con qualche nozione di scienze cognitive per poi affrontare la complessità della comunicazione umana, concludendo la prima parte con lo studio del conflitto.

La seconda parte analizza, quindi, il modo quasi “naturale” di comporre i conflitti, ossia il negoziato faccia a faccia, per poi illustrare i limiti fisiologi dello strumento legale-processuale impiegato allo stesso fine, giungendo all’esame di modelli di mediazione quale strumento efficace per la risoluzione di alcuni problemi interpersonali.

Qui la mappa concettuale del libro

Un aiuto per contribuire alla preparazione del mediatore. Più che un punto d’arrivo, un punto di inizio: quello di un percorso formativo per coloro che vogliono  svolgere la propria funzione in modo professionale iniziando ad acquisire nuove sensibilità, competenze e capacità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *