I minori che agiscono

 

Nell’ambito dei diritti della personalità del minore è largamente prevista dall’ordinamento una capacità anticipata, nel campo patrimoniale la potestà genitoriale e la conseguente rappresentanza legale del minore è assoluta. L’incapacità d’agire del minore, non implica, però, un’assoluta preclusione per lo stesso di compiere atti giuridici: gli atti, anche patrimoniali, posti in essere dal minore sono produttivi di effetti giuridici.

Questo è il caso dei c.dd. “atti della vita quotidiana”, i quali sono conclusi quotidianamente dal minore per sviluppare la sua autodeterminazione e personalità ad esempio attraverso l’acquisto di beni di uso quotidiano, l’utilizzazione di pubblici servizi e così via. E tuttavia prevista una tutela in riferimento ai contratti conclusi dai minori che consiste nell’annullabilità degli stessi. Essa non incide sull’idoneità dell’atto a produrre i suoi effetti ma è soltanto una difesa che potrà essere attivata qualora siano stati seriamente danneggiati gli interessi dell’incapace.

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *