Comunicazione analogica e digitale

Comunica meglio l’uomo o l’animale ?
Spesso si pensa che comunicare sia una cosa facilissima, visto che lo facciamo tutti i giorni!
Già, ma comunichiamo bene o male ?

Gli animali comunicano in un unico modo: con il cd. modulo analogico (contrapposto a quello digitale o numerico,  che implica l’utilizzo dell’alfabeto fonetico). Il gatto che si struscia comunica che vuole le coccole (o da mangiare) mentre il cane che mostra i denti, inarca la schiena ed alza il pelo (o il gatto che “soffia” tenendo un simile atteggiamento) sta comunicando qualcosa di radicalmente diverso: può avere paura, può voler proteggere qualcuno o qualcosa: in ogni caso sta dicendo al ricevente di andarsene…

L’uomo invece ha il grande dono di poter mentire. Come farebbe un gatto a comunicare a qualcuno di andarsene facendogli capire di restare?

Noi, invece lo possiamo fare benissimo: basta mentire. O senza arrivare al “dolo” cioè alla volontà di comunicare qualcosa di diverso da quello che ci passa per la mente, potremmo semplicemente dare al ricevente la sensazione – che spesso “spiazza” – di voler comunicare qualcosa di diverso da quello che viene detto a parole.

Il fatto è che l’uomo tende a dimenticare il suo lato “animale”, a non conoscere e dunque a non applicare le regole del suo funzionamento e a non considerare come su un piano evoluzionistico siamo da molto più abituati a comunicare in analogico che non in digitale (5-6000 anni di linguaggio digitale – dagli egizi in poi -, contro qualche milione di anni di comunicazione analogica – dalla prima comparsa dell’uomo sulla terra -).

E’ plausibile dedurre che ciò  svolga effetti nelle relazioni umane, sia perché favorisce la comparsa del conflitto sia perché costituisce un ostacolo alla sua risoluzione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *