Tutti gli articoli di Francesca S.

La conciliazione a velocità ‘Super Umts’

A proposito del “Telefono”, cellulare o fisso che sia, oltre a divenire con rapido sviluppo una profusione dei nostri arti superiori, è sempre più l’oggetto di  immediata soluzione quasi ad ogni esigenza quotidiana.

Chi per le chiamate, chi per gli SMS, chi per la navigazione in internet, tutti lo usano,  costituendo quindi, un’innegabile spesa da parte dei consumatori.

Altrettanto innegabile è la conseguente suddivisione del mercato in più categorie o sottocategorie di utenti portatori di differenti richieste con l’inevitabile creazione da parte degli operatori di diversi piani tariffari per rispondere ad ogni necessità.

Continua a leggere

Co.Re.Com., conciliazione obbligatoria, telecomunicazioni: dati positivi da Ancona

Il telefono, quell’incredibile invenzione che, fino a qualche decennio fa, era finalizzata esclusivamente alla comunicazione vocale, oggi è un oggetto dal fascinoso design, che ha relegato quest’ultima ad una delle sue innumerevoli funzioni.

Se si considerano, infatti, tutti i servizi accessori, spesso a fronte del pagamento di un corrispettivo mensile, attualmente disponibili anche per la telefonia fissa, oltre che per la mobile ( la comunicazione attraverso messaggi scritti cd. SMS, le videochiamate, i servizi multimediali, e altro ancora), nonché l’aumento degli operatori telefonici, delle offerte e dei clienti, è comprensibile come tutto ciò abbia determinato un aumento anche del contenzioso.

Negli ultimi anni, infatti, i principali motivi di reclamo all’autorità giudiziaria, previa segnalazione al Garante delle comunicazioni da parte degli utenti, sono stati determinati dall’addebito sulla bolletta di costi non dovuti a vario titolo tra cui per le “spese di spedizione fattura” recentemente riconosciute non più addebitabili all’utente. Altrettanto frequenti le cause per l’attivazione di servizi non richiesti che spesso ha comportato danni per la disattivazione di quelli precedentemente attivi, un comportamento già vietato dall’art. 57 del codice del consumo, oggi sanzionato dall’art. 3 delibera n. 664/06/Cons dell’Autorità garante delle comunicazioni.

Continua a leggere