Abbonato registrato.. un po’ meno informato!

Il DPR n. 178/2010 istituisce e regola il registro pubblico degli abbonati che si oppongono all’utilizzo del proprio numero telefonico per vendite o promozioni commerciali.
Questo registro è, appunto, un innovativo servizio di tutela del consumatore, che permette agli interessati (fatto salvo il diritto di opporsi ai trattamenti dei dati di singoli operatori), il cui numero di telefono è presente negli elenchi telefonici pubblici di “opporsi al trattamento delle medesime numerazioni effettuato mediante l’impiego del telefono per fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta, ovvero per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale” (art. 3, comma 2).
Il cittadino, che risulta iscritto nell’elenco degli abbonati, potrà chiedere “che la numerazione della quale è intestatario sia iscritta nel registro, gratuitamente” e secondo determinate modalità individuate all’art. 7, comma 1:

(a) mediante compilazione di apposito modulo elettronico sul sito web, del gestore del registro pubblico; in tale caso, l’abbonato e tenuto a fornire i propri dati anagrafici, comprensivi di codice fiscale, indirizzo di posta elettronica, e comunicare la numerazione da iscrivere al registro;
(b) mediante chiamata, comunicando i medesimi dati di cui alla lettera a), effettuata dalla linea telefonica con numerazione corrispondente a quella per la quale si chiede l’iscrizione nel registro, al numero telefonico gratuito appositamente predisposto dal gestore del registro, il sistema deve funzionare mediante risponditore automatico, con possibilita’ per l’abbonato di ottenere comunque un’assistenza telefonica non automatizzata in caso di difficolta’ o problemi di iscrizione o modifica o cancellazione dei dati;
(c) mediante invio di lettera raccomandata o fax al recapito del gestore, con allegata copia di un documento di riconoscimento; in tale caso, fa fede, ai fini di cui all’articolo 8, comma 2, la data di effettiva ricezione della lettera o del fax da parte del gestore;
(d) mediante posta elettronica

Sarà inoltre possibile revocare la propria iscrizione ovvero iscriversi nuovamente al registro, con le stesse semplici modalità previste per l’iscrizione.
La gestione del registro è stata affidata dal Ministero dello sviluppo economico alla Fondazione Ugo Bordoni, attraverso un contratto di servizio che ne sottolinea la natura di ente terzo, indipendente, impegnato in attività di pubblico interesse.
Di particolare interesse la previsione dii una campagna informativa rivolta agli abbonati e normativamente prevista dall’art. 11 del regolamento “da attuare nel corso del primo semestre di funzionamento del registro a partire dalla sua effettiva realizzazione, idonea a favorire la piena consapevolezza dei loro diritti e delle modalità di opposizione al trattamento di dati per fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale, mediante l’impiego del telefono. Per le medesime finalità, tutti gli operatori autorizzati alla fornitura di servizi telefonici accessibili al pubblico mettono a disposizione dei propri abbonati analoghi strumenti di sensibilizzazione sui loro diritti di opposizione, anche mediante inserimento di specifiche informative nei documenti di fatturazione”.
Chi non ha visto, anche solo facendo zapping, lo spot televisivo che ci ricorda un messaggio da non sottovalutare, e con il quale intendo chiudere.. “abbonato registrato un po’ meno informato!”
Pensateci.. 😉

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *